La capitale del Cile come esempio di Smartcity

La capitale del Cile come esempio si sostenibilità

La captitale Santiago del Cile

 

Il Cile è lo stato che si trova più ad est nell’America meridionale; la capitale di questo paese latinoamericano è Santiago del Cile chiamata semplicemente Santiago, oltre ad essere la capitale Santiago è anche il più grande centro abitato dell’intero Cile, la città si trova ad un’altezza di circa 580 metri dal livello del mare e si estende per circa 640 chilometri quadrati, la popolazione di Santiago del Cile è di circa cinque milioni e mezzo di abitanti e si tratta di più del 35 per cento dell’intera popolazione del Cile.

 

Storia della città di Santiago

 

La città di Santiago del Cile ha una storia molto antica, essendo stata fondata da Pedro de Valdivia nel 1541, il nome originari di questa città era Santiago del Nuevo Extremo ovvero, Santiago del nuovo estremo dato che il Cile si trova proprio agli estremi di quello che allora era considerato il nuovo mondo.

La città fu eretta in onore di San Giacomo come anche Santiago de Compostela che nell’antichità rappresentava l’estremo del mondo conosciuto.

Il luogo dove doveva sorgere questa nuova città fu scelto per la sua posizione favorevole dato che si trovava al centro di una grande pianura situata tra due catene montuose, ovvero, le Ande da una parte e la cordigliera della costa dall’altra, si trattava di un luogo molto fertile e con un clima mite e temperato, e cosa molto importante per l’epoca, trovandosi tra due catene montuose era molto facile da difendere dagli attacchi nemici.

La città cilena più intelligente del Paese

Per la costruzione degli edifici di Santiago furono sfruttati gli abitanti locali ed indigeni, cioè, gli Indiani Picones e grazie anche al loro lavoro la riva sud del fiume Mapocho che attraversava quella zona fu drenata dall’acqua e trasformata in una zona asciutta della città.

La città subì moltissimi danni durante la guerra di indipendenza combattuta negli otto anni tra il 1810 e il 1818 e proprio alla fine di questa guerra la città fu capitale del Cile diventato quindi indipendente.

Per molti anni Santiago rimase una piccola città, fino a quando negli anni trenta del novecento iniziò il proprio sviluppo fino a diventare una vera e propria città moderna anche grazie all’aumento demografico dovuto all’arrivo di nuovi abitanti da varie parti del Paese.

 

Suddivisione e luoghi di interesse

 

La città di Santiago del Cile è suddivisa in 36 comuni, ognuno dei quali è governata da un sindaco, i luoghi di interesse in questa città sono moltissimi e questo rende Santiago una città interessantissima dal punto di vista turistico e da visitare assolutamente per tutti coloro che amano i viaggi, tra i luoghi da vedere c’è sicuramente la cattedrale di Santiago del Cile che anche se non è la chiesa più antica della città è certamente la più interessante e sorge nella Plaza de Armas.

Da vedere è anche La Chascona una delle case di Pablo Neruda da visitare per gli amanti di questo straordinario poeta ricca di bellissimi arredi e di tanti oggetti personali dello scrittore cileno, un altro dei luoghi più belli di Santiago è anche il colle di San Cristobal un luogo molto bello ricco di verde al cento della città dove godersi la natura.

La città è ricca anche di luoghi di cultura come il museo di arte precolombiana, il museo nazionale delle belle arti, o ancora quello della memori e dei diritti umani che ricorda la dittatura. Concludendo non possiamo tralasciare il fatto che la capitale del Cile sta puntando alla sostenibilità, attraverso un piano di ricerca e sviluppo che la porterà ad essere la città più intelligente del Paese, e dunque, una città da vedere assolutamente!