come diventare life coach

Cos’è il coaching professionale

Quando si parla di coaching non s’intende che un’importante metodologia volta a sviluppare le caratteristiche personali di una persona.

Si tratta di un rapporto di allenamento a due, in cui una parte è detta coach e rappresenta l’allenatore, mentre l’altra è, appunto, il cliente.

Il coach segue il cliente affinché questo raggiunga un obiettivo professionale o personale attraverso dei percorsi di formazione specifici a seconda del caso.

Probabilmente il coaching professionale più famoso è quello delle gym.

In questo caso si ha un coach professionale è il cui compito è quello di tonificare il corpo del cliente, aumentandone la muscolatura o rispondendo alle specifiche esigenze della persona.

Nei Paesi anglosassoni, da dove deriva la tendenza al coaching professionale, quello dei coach è un vero e proprio Ordine professionale.

In Italia, invece, non è una professione regolamentata e tutt’ora quella del coach è una professione libera.

Lo Stato Italiano, difatti, non ha stabilito dei minimi requisiti per l’esercizio della professione.

Così appare tutt’ora incerto chi, in Italia, è un coach chi no.

 

Organi internazionali del coaching professionale

 

Nel mondo esiste l’International Coach Federation, sicuramente la più grande associazione del coaching mondiale.

Attualmente di questa federazione fanno parte più di 30.000 coach provenienti da più di 138 Paesi.

L’associazione stessa definisce il coaching professionale come un rapporto di partnership con i clienti.

Secondo le linee guida dell’International Coaching Federation il percorso di crescita dei clienti, indipendentemente dall’obiettivo che si vuole raggiungere, dev’essere creativo e stimolare alla riflessione.

Il coach stesso dev’essere un motivatore in grado di stimolare i clienti a esprimere il massimo del proprio potenziale fisico o mentale (nell’ambito professionale).

Anche in Italia come punto di riferimento abbiamo, Prometeo Coaching, che organizza corsi di coaching a Milano, Roma, ed in altre città d’Italia.

Quest’ultima è regolarmente iscritta nella lista delle associazioni professionali presso il Ministero dello Sviluppo Economico, sebbene la professione non sia ufficialmente riconosciuta.

 

Coaching o psicoterapia?

 

corso di coaching a Roma e MilanoNel corso del tempo molti psicoterapeuti hanno contrastato il coaching dicendo che si tratta semplicemente di un’attività psicoterapeutica pericolosa, in quanto svolta da persone che non possiedono le conoscenze e le competenze in tal ambito.

A questo ha contribuito anche il vuoto normativo attualmente presente in Italia, che permette la diatriba su cosa sia il coaching professionale e cosa lo separi, invece, dalla psicoterapia.

Altresì la critica degli psicoterapeuti si basa sul fatto che in questo modo le persone senza alcun studio nell’ambito psicologico gli tolgono il lavoro.

Per questa ragione si sta premendo sullo Stato per riconoscere ufficialmente il coaching professionale e stabilire le conoscenze e le competenze necessarie per poter esercitare questa professione.

Per via della crescente fama del coaching professionale di anno in anno sono sempre di più le università che offrono dei corsi di coaching professionali in cui s’impara a essere dei coach.

Il tutto si basa sulla pratica del saper fare il coach attraverso la stimolazione, ma anche per saper essere dei coach di successo.

Tali corsi hanno una durata variabile da caso a caso.