piastra 4d gama tecnologia ioni

La piastra agli ioni: pettinarsi con semplicità

L’efficacia degli ioni nella piastra per capelli

Per una chioma liscia e sana

La piastra per capelli è ormai un must per molte donne. Grazie a questo accessorio, infatti, è possibile ottenere una piega perfetta senza ricorrere ad un parrucchiere, semplicemente dedicando qualche minuto di tempo ad un’operazione semplice e veloce. Una soluzione ideale per chi vuole risparmiare tempo e denaro.
Le piastre rappresentano, in primis un ottimo accessorio per i capelli lisci. Vengono utilizzate con successo sia dalle persone che amano le lunghezze morbide che da coloro che prediligono tagli asimmetrici. Inoltre, possono essere effettuati i classici piccoli ritocchi dell’ultimo momento, che consentono di presentarsi sempre in ordine.
Proprio per questo, in commercio sono ormai disponibili un’infinità di modelli, in grado di rispondere alle esigenze di un pubblico sempre più esigente. Il successo riscontrato sul mercato è dovuto anche al fatto che è in continua crescita il numero di uomini che hanno scoperto questo strumento.
Per “domare” una chioma eccessivamente ribelle, oppure per donare originalità ad una capigliatura, niente di meglio di una piastra. In particolare, è la piastra agli ioni a rivelarsi un acquisto ottimale, soprattutto in virtù della sua versatilità. Oltre a rivelarsi efficace nei confronti delle pettinature lisce, semplicemente modificando l’inclinazione è possibile ottenere ottimi risultati anche da parte di chi preferisce una pettinatura più mossa. Come accade per gli asciugacapelli, scegliere una piastra agli ioni consente di tenere sotto controllo la temperatura, evitando di sottoporre i capelli ad uno stress inutile.

Il funzionamento della piastra a ioni

La piega desiderata in una sola passata

Esaminando nel dettaglio il funzionamento delle piastre a ioni, occorre innanzitutto indicare come sia la presenza di uno specifico “macchinario”, noto come ionizzante, a liberare gli ioni stessi. Questi ultimi, a loro volta, hanno il compito di scomporre le particelle d’acqua del capello. Il processo è possibile grazie al fatto che gli ioni emessi sono a carica positiva, riuscendo a legarsi agli elettroni che si trovano nell’ambiente. Tale interazione consente di eliminare l’elettricità statica donando ai capelli una piega ottimale.
Per massimizzare i risultati, la piastra a ioni deve essere impiegata sui capelli bagnati. Una differenza sostanziale rispetto alle piastre classiche, che vengono utilizzate su capelli asciutti. Gli ioni, infatti, godono della capacità di agire sulle particelle d’acqua del capello bagnato. In pratica, una volta lavati i capelli con lo shampoo o con gli altri prodotti normalmente impiegati per la pulizia, la piastra a ioni finisce per rappresentare il sostituto del phon.
I capelli appaiono più idratati; chi ha una chioma folta, inoltre, può apprezzarne la maggiore setosità. Il grado di morbidezza, se confrontato con quello assicurato da una piastra comune, appare decisamente maggiore, mentre l’effetto crespo finisce per divenire solamente un mero ricordo.

piastra 4d gama tecnologia ioni10

Piastre a base di ozono e tormalina

Due componenti essenziali al servizio della bellezza

Quando una piastra agli ioni può godere anche della presenza di ozono e tormalina, l’effetto sui capelli appare ancora più sorprendente. Utilizzandola al posto del phon, oltre che splendenti i capelli appariranno anche rinforzati, elastici e sani, contribuendo a regalare un look impeccabile senza essere costretti ad esporli ad un calore eccessivo.
L’ozono, infatti, gode di importanti proprietà purificanti, alle quali si aggiungono quelle antibatteriche. In questo modo, l’uso della piastra stimola il microcircolo, portando il bulbo pilifero a beneficiare di una maggiore ossigenazione, con effetti positivi anche su capelli rovinati e sfibrati. Le piastre agli ioni aiutano le cuticole ad aderire tra loro, rendendo la parte esterna dei capelli più liscia e resistente. Tra le piastre proposte da Gama Professional rientrano alcuni modelli dotati di trafile oscillanti. Queste ultime permettono alla piastra stessa di adattarsi nel migliore dei modi ad ogni singola ciocca, permettendo alle stesse di beneficiare del medesimo livello di calore. Inoltre, i modelli che vedono un rivestimento in tormalina riescono a scorrere con grande velocità sulle ciocche. È sufficiente un’unica passata, pertanto, per ottenere la pettinatura desiderata.

Come utilizzare una piastra a ioni

Pochi consigli per capelli sempre perfetti

I migliori risultati con una piastra a ioni si ottengono minimizzando il processo di stiratura, che non dovrà superare qualche secondo di durata per ciocca. Chi ha capelli estremamente fragili può optare per una lozione termo protettiva, da applicare sui capelli qualche istante prima di mettere in piega la chioma per mezzo della piastra. Tali lozioni sono realizzate appositamente per creare un film protettivo; il vantaggio è quello di rendere più evidente l’effetto liscio, donando maggiore ordine ai capelli e contribuendo alla loro luminosità. Terminata la messa in piega, si potrà utilizzare della semplice lacca per capelli per aumentare la tenuta, rendendola estremamente durevole. Chi, invece, è costretto a confrontarsi spesso con delle punte secche, ha la possibilità di idratarle ricorrendo a prodotti specifici. In questi casi si rivelano efficaci lozioni a base di semi di lino, che permettono di prevenire la formazione delle doppie punte.