Pasticcere_g

Il corso per diventare un ottimo pasticcere

Per diventare pasticcere, oltre a frequentare dei Corsi Specializzati organizzati dall’Accademia Italiana dei Chef, bisogna anche immedesimarsi nei panni di un artista che vuole far conoscere ai clienti i suoi prodotti non soltanto dal punto di vista olfattivo e visivo, ma in particolare del gusto.

Per creare un dessert ad esempio, è molto importante misurare ogni ingrediente con precisione e aggiungerlo all’impasto nel modo corretto al momento giusto.

I pasticceri lavorano anche di notte, specialmente per i vari laboratori che preparano i dolci per bar ed altri. Per fare questo mestiere bisogna avere una certa resistenza ed anche la giusta forza, ma soprattutto creatività e soddisfazione ripagheranno le fatiche di questo lavoro.

Anche la pazienza è una dote importante, in quanto certi dolci richiedono un tempo più lungo di preparazione, ma anche le esigenze di certi clienti ne richiedono un po’: in questo caso la miglior risposta è sempre un bel sorriso.

Per Diventare un buon Pasticcere bisogna anche conoscere i materiali che si utilizzano per la preparazione, scegliendo possibilmente sempre prodotti di ottima qualità. Facendo questo lavoro, si impareranno anche come pesare gli ingredienti, come mescolarli e fonderli, come rendere il cibo invitante agli occhi, ed acquisire alcune conoscenze economiche se si intende aprire un’attività in proprio.

Il pasticcere offre anche molte possibilità di fare carriera, partendo con guadagni non tanto alti in seguito al post laurea ma, con dedizione ed impegno, si potrà arrivare anche a contratti fino a 50000 euro l’anno. Il punto fondamentale è senza dubbio la creatività: chi vuole lavorare in posti di successo dovrà essere in grado di diventare un’artista, in particolar modo se andrete a lavorare in catering dove si organizzano cene di gala. Fare il pasticcere significa avere una carriera con notevole possibilità di guadagno e ricca di meravigliose e gustose creazioni dolciarie.

Per DIVENTARE un PASTICCERE FAMOSO, bisogna frequentare scuole accreditate, con insegnanti che sono cuochi con lunga esperienza in ambito lavorativo ed essere dei punti di riferimento per gli apprendisti che si avvicinano a questo mondo; con strumentazioni idonee avendo la possibilità di lavorare in cucine professionali con lo scopo di non trovarsi disorientati una volta inseriti in un ambiente di lavoro; scegliere enti di formazione riconosciuti da federazioni regionali e nazionali per avere una certezza importante sull’insegnamento; scegliere un percorso post-laurea o post-diploma con disponibilità di fare orari flessibili e stage con servizi di supporto per gli studenti delle accademie culinarie.

A tal scopo L’Associazione Nazionale Artigiani Piccoli Imprenditori organizza corsi che durano meno di un anno, con possibilità di fare lo stage nella propria città di residenza.

Maggiori dettagli sui corsi, CLICCANDO QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.