spurgo pozzi

Spurgo pozzo nero con canal jet

Cos’è un pozzo nero?

In caso di condomini non allacciati alla rete fognaria o per le case isolate che non dispongono di un sistema fognario dinamico, viene realizzata la cosiddetta “fossa biologica” che raccoglie le acque nere provenienti dallo scarico del bagno, e le acque grigie provenienti dal lavabo della cucina di una casa. In altri casi, invece, al posto della “fossa biologica” viene realizzato e installato un “pozzo nero”. Si tratta di un sistema sotterraneo costituito da un serbatoio che raccoglie tutte le acque nere provenienti da più case isolate. Rispetto a una “fossa biologica”, il “pozzo nero” ha quantità massima di liquidi che può contenere, oltre la quale non si può andare. Inoltre, essendo provvisto solo di una condotta di afflusso, insorge la necessità di svuotarlo periodicamente e con una frequenza maggiore rispetto ad una “fossa biologica”. Solitamente questi pozzi sono costruiti in cemento armato a tenuta stagna, per evitare perdita di liquami nei terreni adiacenti, e le bocche dei pozzi si aprono su un’area scoperta e sono realizzati in modo tale da evitare la fuoriuscita di cattivi odori.

Le operazioni di spurgo e pulizia di un “pozzo nero”

Questo tipo di operazione deve essere eseguita solo ed esclusivamente da personale equipaggiato e competente, che grazie all’utilizzo di attrezzature adeguate e alla sua preparazione, è in grado di svolgere tale attività. Gli esperti adoperano sistemi specializzati di aspirazione per lo spurgo. Dopo essere stata svuotata, la cisterna viene pulita completamente attraverso l’utilizzo di pompe ad alta pressione e di idropulitrici.

Una di queste attrezzature è sicuramente il Canal Jet, un sistema di spurgo rapido ed efficace, in grado sia di eliminare qualsiasi tipo di ostruzione da reti fognarie e tubature, sia di compiere una accurata pulizia grazie al suo getto d’acqua ad alta pressione, in grado di eliminare tutti i residui dei liquami. Questi ultimi, recuperati dal “pozzo nero”, devono essere trasportati in tutta sicurezza attraverso autocisterne adatte a questo tipo di operazioni. L’impresa di pulizia, inoltre, dovrà trasportare queste sostanze verso l’area di smaltimento.

Le imprese consigliano di pulire e svuotare il pozzo nero più volte durante l’anno, visto che, la pulizia e lo spurgo, sono fondamentali per garantire l’igiene e la funzionalità del “pozzo nero”.

Documenti e normative per i “pozzi neri”

Per realizzare un “pozzo nero” sono necessari alcuni accorgimenti, senza i quali la messa in opera non è concretizzabile. Innanzitutto occorre avere spazio in giardino e avere delle specifiche autorizzazioni da parte del Comune di appartenenza. Infatti, solo dopo l’autorizzazione dell’Azienda Sanitaria del Luogo, il Comune può dare il via libera ai lavori e mettere in regola un “pozzo nero”.
Una volta realizzato da ditte specializzate, il “pozzo nero” va mantenuto in ordine e controllato periodicamente da parte dell’”Ufficio Tecnico” del Comune, l’unico vero responsabile per quando riguarda le autorizzazioni e le ispezioni periodiche del “pozzo nero”.