Vendita di Batterie per Sigarette Elettroniche Online

Batterie per Sigaretta Elettronica: i vari tipi in commercio

La batteria: uno sguardo ai componenti

 

Comuni a tutte le batterie per sigaretta elettronica, la loro conoscenza è indispensabile per una scelta informata. Il wattaggio indica la reale potenza emessa dalla batteria. Più alto sarà il wattaggio, quindi, maggiore sarà il vapore emesso dalla sigaretta, minore wattaggio corrisponde invece a minor calore ma anche un consumo energetico minore.

Una valutazione fondamentale, considerando che i diversi aromi prediligono diversi tipi di wattaggio. I milliAmpere (mAh) forniti da una batteria in un determinato arco di tempo, invece, permettono di valutare la durata di carica. Questo parametro è espresso con il termine di capacità – nei modelli in commercio varia generalmente da 650 milliAmpere a 2000 milliAmpere.

Maggiore è la capacità della batteria, quindi, maggiore il numero di tiri disponibili prima di scaricarsi ma anche maggiore la grandezza fisica della batteria – un parametro da tenere in considerazione se le dimensioni della sigaretta elettronica hanno particolare importanza nella scelta.

 

Voltaggio variabile: cosa significa ?

 

Come spiegato, l’aumento del voltaggio porta a un maggior riscaldamento del fumo, e a un aroma più intenso. Non tutti gli aromi però sono indicati o rendono appieno con una temperatura più elevata, e una tensione maggiore porta a una maggiore sollecitazione della batteria, riducendone la durata.

La batteria a voltaggio variabile ovvia a questi inconvenienti introducendo la possibilità di selezionare di volta in volta la tensione erogata dalla batteria, aumentandola o riducendola a seconda delle caratteristiche dell’aroma scelto per la sigaretta – una scelta generalmente più costosa, ma adatta ai più esigenti.

 

Tipi di batteria per sigaretta elettronica: automatiche o manuali

 

La principale differenza di queste tipologie di batteria per sigaretta elettronica è data dalle loro tempistiche di attivazione, intuibili già dal nome. Le batterie automatiche infatti sono attivate al momento dell’aspirazione e proseguono con la trasmissione di energia finché non si smette di tirare, provvedendo un’ esperienza d’ uso simile a quella della sigaretta tradizionale.

La batteria manuale invece viene attivata dall’utente tramite un pulsante che avvia il preriscaldamento e la vaporizzazione secondo la proprie esigenze. Grazie al preriscaldamento la densità del vapore risulta così anche più piena alla fumata.