Cosa sono le quote delle scommesse sportive

Scopriamo nel dettaglio le quote nelle scommesse sportive

Le quote sono valori numerici che permettono di capire fin da subito quanto potremo vincere se la nostra scommessa ha un esito positivo.
Ad ogni scommessa sportiva quindi è associata una quota.
Questa viene stabilita da persone altamente competenti in materia sia sportiva che matematica, chiamati bookmaker.
Dietro il calcolo delle quote c’è un accurato studio matematico e anche un processo mentale particolare per ogni competizione sportiva.
Per semplificare, ad un evento, con grande probabilità che si verifichi, verrà assegnata una quota molto bassa, mentre un evento raro, avrà una quota più alta.
Questo perché lo scommettitore ha sicuramente più possibilità di azzeccare l’evento scontato, per cui l’agenzia di scommesse con il sistema delle quote cerca di razionalizzare al massimo le entrate e di limitare al minimo le uscite dovute alle vincite.
Se la quota è bassa significa che la probabilità di vittoria è alta, ma l’eventuale vincita sarà bassa, viceversa se la quota è alta significa che la probabilità di vittoria è bassa, ma l’eventuale vincita sarà alta.
Facciamo un esempio:
nella gara di calcio fra Inter-Lazio, sicuramente per precedenti risultati, potenziale, storia, fattore casa etc. sarà favorita l’Inter.
Uno scommettitore quindi punterebbe quasi sicuramente sull’Inter vincente.
Per fare l’esempio consideriamo solo i 3 esiti più classici 1-X-2 (anche se le agenzie di scommesse al giorno d’oggi ti permettono di scommettere su qualsiasi possibile sfaccettatura di un match).

1: 1.80
X: 2.65
2: 2.90

Se come abbiamo detto puntassimo, 10 euro per esempio, sull’Inter vincente, in caso di esito positivo della nostra scommessa, prendiamo il montepremi realizzato grazie alla quota più bassa a disposizione, ovvero 10 * 1.80 = 18 euro.
Se invece da grandi intenditori di scommesse, avessimo saputo che la Lazio per un motivo o per un altro poteva avere possibilità reali di vittoria e avessimo puntato i nostri 10 euro sulla Lazio vincente, e così sarebbe finita la gara, la quota di 2.90 ci avrebbe fatto realizzare 29 auro.

Ci sono diversi modi per indicare una quota per una scommessa sportiva: possono essere numeri frazionari(soprattutto all’estero), numeri decimali(più diffusa in Italia) o numeri decimali anticipati dai segni + o – (quest’ultima modalità utilizzata solo negli Stati Uniti D’America).

I team di bookmaker creano le quote 24 h su 24 h facendo turni di lavoro per poter “coprire” tutti gli eventi sportivi su cui il pubblico desidererebbe scommettere.
I bookmaker studiano anche i comportamenti e quindi i processi mentali che contraddistinguono gli scommettitori più bravi, i più vincenti, così da anticiparne le mosse e creando delle quote adatte ad ogni potenziale evento oggetto di scommessa da parte di questi “fuoriclasse” del gioco d’azzardo.
La bravura dello scommettitore sta proprio nel capire quando una quota può essergli più o meno favorevole, a seconda delle conoscenze maturate per l’evento scelto sul quale effettuare la scommessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.