Come si fa per pagare WhatsApp?

whatsapp-rinnovo

Quei furbacchioni dei fondatori di WhatsApp hanno pensato bene di fornire un’applicazione che consentiva a chi la scaricava di scambiare in modo del tutto gratuito sms (e non solo) dal cellulate verso tutti gli amici che, come loro, possedevano l’applicazione. Questo ha portato a un grande successo di pubblico di questo sistema di messaggistica, tanto che quest’anno sono stati toccati quasi trenta miliardi di messaggi al giorno. In realtà la gratuità non era proprio totale: dopo un anno di utilizzo era previsto (forse tra le pieghe delle avvertenze) che il servizio sarebbe diventato a pagamento, di una cifra irrisoria, ma pur sempre a pagamento, con qualche differenza tra le varie piattaforme compatibili con WhatsApp. In particolare, qui vedremo come fare per pagare WhatsApp per Android.

In effetti, la seccatura non è tanto la cifra da pagare, veramente ridotta, quanto la “fatica” di pagarla. Si parla, infatti, di 0,89 euro all’anno, che diventano soli 2.40 euro se si paga il servizio per tre anni in un colpo solo, ottenendo così uno sconto del 10%, oppure 3.34 euro se si paga per tre cinque anni. In quest’ultimo caso lo sconto è del 25%.

Dal menu di WhatsApp, si cerca l’icona delle impostazioni e si clicca. Dal menu delle impostazioni si sceglie “account” e quindi “info pagamento”.

Il menu relativo alle informazioni sul pagamento è molto chiaro. Oltre alla scadenza dell’attuale abbonamento (o del periodo gratuito), sono chiaramente indicate le alternative possibili dei periodi per i quali si vuole rinnovare l’abbonamento (1, 3 o 5 anni) e, sotto, alcune modalità di pagamento: Google Wallet, PayPal o tramite “invio URL per il pagamento”.

Se avete un account PayPal, la scelta di questa modalità cliccando il campo relativo, v’indirizzerà al sito PayPal e, digitando la password, vi sarà addebitato il costo dell’abbonamento scelto.

Se invece siete registrati su Google Wallet, cui fanno riferimento una o più carte di credito, cliccando sul campo relativo si aprirà il menù dal quale dovrete selezionare “Acquista”, il costo dell’abbonamento e infine le opzioni di pagamento. Qui, se avete più di una carta di credito di riferimento, potrete scegliere quella che preferite. In più, sempre nel menu di Google Wallet, se utilizzate Vodafone o Wind potete pagare scalando il costo dell’abbonamento dal credito telefonico residuo, cliccando il campo “Attiva la fatturazione Wind” (ovviamente nel caso di Wind).

La terza modalità prevista, quella attivata cliccando su “invio URL per il pagamento”, prevede che voi spediate il vostro indirizzo di e-mail, dove vi sarà recapitato il link con il quale pagare l’abbonamento direttamente con la vostra carta di credito, digitando il suo numero, comodamente, tramite un PC.

Sarà meglio fare l’abbonamento a 1, 3 o 5 anni? Mah, visto quanto velocemente cambia il panorama della telefonia cellulate, non prevederei scadenze molto lunghe: il risparmio di pochi centesimi grazie allo sconto previsto potrebbe essere vanificato da prossime, ancora più convenienti, applicazioni.

Fonte: http://www.androidplaya.com/guide/pagare-whatsapp-26183