La magia dell’oroscopo del giorno

L'Oroscopo del giorno lo trovi online

A spasso tra le stelle per conoscere il futuro

E’ forse il più antico modo che l’uomo ha avuto per decifrare il suo futuro. Parliamo di astrologia, ossia l’analisi dei pianeti e delle stelle e di quale influenza possono avere in noi in proiezione di ciò che ci attende.
In tempi arcaici lo studio degli astri celesti era considerato come una sorta di religione che solo alcuni iniziati potevano maneggiare. Ma al giorno d’oggi, con una civiltà tanto innovativa quanto lontana dalle sue radici, ha ancora ragione d’essere il leggere l’oroscopo per sapere cosa ci riserva il giorno? Ed è possibile che scienziati che sconvolsero l’umanità con le loro scoperte come Galilei e Keplero, abbiano coscientemente praticato l’astrologia fino a farne quasi una professione? E a chi non piacerebbe conoscere il proprio futuro per potersi regolare sulle scelte da fare?

Tra astri e predizioni

La storia dello studio dell’astrologia probabilmente nasce prima ancora delle oggettive testimonianze dello stesso trovate in Mesopotamia e risalenti a molti millenni fa e rappresentato da antichi reperti di argilla oggi conservati al British Museum. Presumibilmente, già i popoli primitivi si rifacevano alle stelle per capire il nesso che queste potevano avere con la loro esistenza e con il mutare delle stagioni.
Però, partendo dai Babilonesi che certamente perfezionarono il sistema di osservazione degli astri, passando per la lontanissima civiltà Maya, l’astrologia ha avuto un corso che pur mutando nel corso dei secoli e ottica, ha solleticato l’interesse di Egiziani, Greci, Romani e popoli dell’epoca medioevale, giungendo fino a noi con l’immutato fascino derivante dai segreti che questa pratica, può riservare.
Lo studio del Sole, della Luna, di Marte Giove e Saturno, permetteva agli astrologi dell’epoca la formulazione di predizioni che coprivano dalla meteorologia al volere delle divinità. Furono gli Egiziani e i Maya a dare una significativa importanza al moto degli astri e delle stelle, e crearono le basi per il perfezionamento dell’astrologia e dell’astronomia.

leggere l'oroscopo del giorno aiuta

Le evoluzioni

Tolomeo in Egitto e il popolo Maya, riuscirono a studiare attentamente i moti degli astri tanto da applicarli anche alle costruzioni dei loro templi che avevano 365 gradini proprio come i giorni che ci sono in un anno. L’elaborazione del calendario fu il successivo passo volto soprattutto a identificare i giorni deputati per le cerimonie ma anche per l’economia agricola che doveva seguire dei precisi canoni di lavorazione.
Ma se i notabili Maya facevano funzioni di indovini a Cos, in Grecia, l’astrologo di origine Caldea, Berosio, fu il promotore di una vera scuola di astrologia. Fu Aristotele a dimostrare in maniera empirica come gli influssi astrali potessero condizionare non solo l’alternarsi delle stagioni ma anche influenzare la vita.
All’epoca della Rivoluzione Francese, l’astrologia fu dichiarata una superstizione superata dai tempi ma continuò ad essere praticata e visse un periodo di splendore nella Londra vittoriana del XIX secolo. Riabilitata da Jung nel secolo successivo, negli anni sessanta vi fu il tentativo di sposare l’astrologia con la scienza: operazione questa, non accettata dai materialisti di ogni tempo.

L’oroscopo del giorno

C’è chi crede e chi dice di essere solo curioso ma in molti leggono il proprio oroscopo del giorno. Prendere le predizioni come oro colato o solo sorriderci su? Dipende. Dipende molto da chi è l’autore dell’oroscopo che, spesso, è semplicemente commissionato da alcuni media che devono riempire quotidianamente lo spazio dedicato all’astrologia.
Se, però, si fa riferimento a delle serie fonti, allora l’oroscopo può essere considerato fortemente incisivo e, di conseguenza, farci prendere o meno delle decisioni. Male che andrà, daremo la colpa alle stelle poco amiche.