piscine

Suggerimenti per i proprietari di piscine fuori terra: installazione, pulizia e riparazioni

L’installazione di una piscina fuori terra è un metodo comodo per rilassarsi e divertirsi ogni volta che si desidera, corrisponde anche a un metodo economico quando non ci si può permettere una piscina interrata.

La prima cosa da fare, è installarla nel proprio giardino! Prima ancora decidere dove acquistare la vostra piscina.

Rendetevi conto che il terreno al di sotto della piscina deve essere piano o l’acqua ne uscirà fuori a causa dell’indebolimento delle pareti che crolleranno di lato con il rischio di causare anche, lesioni ai bagnanti.

Installazione della piscina fuori terra:

  1. Scegliete nel vostro giardino la zona più soleggiata e più livellata possibile, tenete conto che intorno alla piscina dovrà essere possibile camminare, quindi calcolate uno spazio più grande in cui posarla.
  2. Togliete l’erba e i sassi servendovi di una pala. Se avete provveduto qualche mese prima a posare di teli di plastica curi sopra la zona, l’erba sarà eliminata con poco sforzo.
  3. Lavorate sull’area fino a quando siete sicuri che il terreno sia completamente livellato.
  4. Stendete un leggero strato di sabbia umida al di sopra con un rastrello da giardino che la diffonderà in modo uniforme.
  5. Servitevi di un rullo da prato per compattare la sabbia e continuate a controllare che il terreno sia in piano.
  6. Stendete un telone sulla sabbia che servirà da protezione della vostra piscina ed eseguite un ultimo controllo per assicurarvi che l’area sia completamente piana.

Per garantire che l’ambiente sia sano e igienico, bisogna eseguire delle azioni di manutenzione che assicureranno acqua pulita e limpida. Quando non si conoscono le procedure adatte per fare ciÚ, si rischia di sbilanciare i prodotti chimici, riempire l’acqua di alghe e ritrovarsi con l’acqua torbida.

Per avere l’acqua cristallina per tutta la stagione, bisogna esercitare un certo controllo e procedere con azioni di routine. Seguendo questi semplici consigli, sarete in grado di iniziare a destreggiarvi con un argomento di cui non avete familiarità.

Pulizia delle piscine fuori terra:

  1. Giornalmente, servitevi di una rete per eliminare i detriti che si accumulano all’interno, potete anche utilizzare uno skimmer galleggiante elettrico sul pelo dell’acqua che la ripulisce per voi. Togliendo comunque foglie o grossi sedimenti aiuterete quest’ultimo a lavorare bene e a non intasarsi.
  2. Per eliminare l’accumulo di alghe fondo della piscina, procuratevi un aspiratore adatto e usartelo giornalmente.
  3. I corretti livelli delle sostanze chimiche all’interno della vostra piscina dovranno essere bilanciati, esistono dei kit per testare il livello di pH e l’alcalinità dell’acqua, vanno usati per mantenere il giusto equilibrio chimico aggiungendo le sostanze che moltiplicano o riducono il tasso alcalino o quello del pH.
  4. Il livello di durezza del calcio, è un altro fattore importante che va determinato e tenuto sotto controllo. Per determinare se il livello di durezza rientra nei parametri raccomandati, potete servirvi di strisce reattive e aggiungere cloruro di calcio se il livello è inferiore a 200 ppm (il giusto livello e tra i 200 fino a 400 ppm). Qualora il livello sia invece superiore, bisogna sostituire in parte l’acqua della piscina con altra fresca. Si lascia quindi riposare per un giorno e si ripete il test per determinare la durezza del calcio. Continuate in questo modo fino a quando il livello si abbassa e continuate a verificare tramite test almeno una volta alla settimana.
  5. Le alghe possono essere molto fastidiose, aggiungendo alghicida in acqua, potrete eliminarle. La frequenza la quantità necessaria dipende dal tipo di prodotto e dalla quantità di acqua contenuta nella vasca. Attenetevi alle indicazioni riportate sul contenitore.
  6. Un trattamento shock per la piscina è adatto per creare il giusto quantitativo di cloro in essa, bisogna sapere che le piscine più piccole (solitamente lo sono quelle fuori terra) necessitano un trattamento shock più frequentemente di quelle più grandi.
  7. I filtri di scarico vanno controllati sovente, se vi mettete la regola di verificarli ogni volta che fate il test dell’acqua, diventerà una cosa facile da ricordare. Se il filtro è in qualsiasi modo rovinato, va immediatamente sostituito.

Riparare una perdita in una piscina fuori terra:

In una piscina fuori terra, succede che si possano creare dei piccoli strappi che causano una perdita dell’acqua.

Per capire se esiste questo tipo di problema, potete monitorare giornalmente il livello dell’acqua e trovare in questo modo l’esatto punto in cui occorre.

  • Verificate ogni parte nella vasca, inclusi i tubi di scarico, la scaletta e le luci.

    Svuotate l’intera piscina se necessario per localizzare in punto in cui la perdita diventa visibile, cercatela fisicamente con le mani per poterla riparare con l’apposito kit se essa non è troppo grande o fuori dall’ordinario, in questo caso sarà necessario un professionista che possa eseguire la riparazione correttamente.

  • Riempite la perdita con il prodotto speciale progettato per sigillare questo tipo di elemento, se invece è il filtro a causare la perdita, mettete dello stucco resistente all’acqua nel punto necessario. Fissate tubi o valvole sciolti con materiale sigillante.